Coaching ICF: una professione entusiasmante e redditizia


” Ma vale la pena diventare coach e farlo come lavoro ? “

Questa è una domanda che mi pongono molte delle persone che mi contattano. Mi piace rispondere coi numeri.

.

Il Coaching è una professione entusiasmante, redditizia e molto richiesta.
Ecco le cifre che lo dimostrano

1. Valore stimato del mercato del coaching nel mondo
( l’Italia rappresenta circa il 10% del mercato mondiale )

  • 2010: 1,0 mld €
  • 2015: 1,4 mld €
  • 2020: 2,1 mld € ( previsione )
    .

2. Coach iscritti ad ICF nel mondo :

  • 1995:  30.000
  • 2000:  120.000
  • 2015:  240.000
  • 2020:  300.000 ( previsione )
    .

3. Coach Accreditati ICF nel mondo:

  • 1995:  1.000
  • 2000:  4.000
  • 2015:  11.000
  • 2020:  15.000 ( previsione )
    .

IL Coaching è una professione basata sull’arte della parola, ma non si impara “a parole”
( testo estratto dal manuale del corso © N.S.L. Coaching di Rf.coach )

Il coaching è l’arte di educare le persone, senza interferire con la loro vita [ rf.coach]

Il Coaching è molto più di una conversazione.  E’ un “ linguaggio generativo”. Un linguaggio che consente di generare cambiamenti nel coachee mediante il sapiente uso dell’ascolto e delle parole.

Il linguaggio del Coach sembra essere una dote presente in ogni persona. Ciascuno di noi è nato con un differente grado di abilità o potenzialità per fare coaching ad altre persone. E’ una dote che riconosciamo in noi ogniqualvolta ci troviamo a educare dei bambini o a ricoprire un ruolo formativo all’interno di una comunità. In quanto dote comune, il linguaggio del coaching può  essere appreso da molte persone. La maggior parte degli individui può diventare un vero coach, in misura dell’impegno che sosterrà per impararne il linguaggio e in base alla volontà di esplorare nuovi percorsi del pensiero e della comunicazione. Nonostante si tratti di una dote innata e perfezionabile, il coaching, svolto in maniera professionale, di fatto è una pratica che segue precise regole e principi . E come ogni arte , si impara praticandola (non mettendola da parte….)

Una falsa credenza riguardo il Coaching è ritenere quest’arte come acquisibile e acquisita una volta per sempre, come andare in bicicletta, una volta montati in sella e dopo qualche caduta, in pochi giorni si è imparato.

Dall’esperienza di addestramento su centinaia di coach di diverse culture, risulta che imparare il Coaching  e diventare coach professionisti richiede un impegno e un’attenzione maggiori di qualche settimana. Diventare coach di successo è un traguardo di alto livello, che si raggiunge dopo un considerevole periodo fatto di addestramento, pratica e studio.

Tre  considerazioni “delicate” sul tipo di  comunicazione nel Coaching

1: nel coaching vi sono molti elementi sorprendentemente contrari all’intuizione, come il fatto di NON dare consigli.

2: esistono molti pregiudizi errati sul coaching, come il fatto che nelle sessioni di coaching non si parli di soluzioni o strategie.

3: il coaching richiede di approfondire intelligenza emozionale e consapevolezza. Cambiamenti che non avvengono spontaneamente o nel giro di una notte.

Il coaching è paragonabile a pratiche tipo :

  • Imparare una lingua totalmente nuova
  • Suonare uno strumento musicale
  • Praticare uno sport competitivo

Non basta apprenderle, bisogna praticarle. Come nell’apprendimento, ad esempio, del pianoforte: Anche nel coaching possiamo provare ad emettere una qualche sorta di suono, tuttavia il risultato potrebbe essere poco piacevole.

Chiunque può sviluppare abilità nel coaching dopo un certo periodo di pratica. Ogni soggetto deve esercitarsi costantemente per sviluppare le proprie qualità, in caso contrario tenderà a non fare progressi e ricadere negli stessi errori.
Alcuni allievi sono naturalmente più portati di altri e quindi apprenderanno più rapidamente e svilupperanno più rapidamente le proprie capacità. Ciò dipende da tre fattori:

  1. contesto in cui si è cresciuti
  2. credenze personali
  3. predisposizione genetica

 

Quanto tempo ci vuole per diventare coach?

Per un coaching minimamente efficace, occorrono almeno da 4 a 6 mesi di preparazione didattica e generalmente da 1 a 2 anni per raggiungere un buon livello di competenza, tale da produrre riscontri significativi .

Analogamente allo studio del pianoforte, c’è sempre qualcosa da imparare. Nuove tecniche da perfezionare, qualità e sfumature da sviluppare. Così come per il pianoforte, cominceremo dalle nozioni di base.

Nel mio corso  per diventare coach inizierai a sviluppare le qualità fondamentali della comunicazione. Una volta imparate, dovrai continuare a esercitarle e a perfezionarle nel corso dell’addestramento.
Nella parte del corso dedicata alla “ Comunicazione potente dei coach” ,  imparerai ad esprimerti come un coach professionista , fino a quando “ le tue parole diventeranno Coaching “. Imparerai ad ascoltare come fa un coach, così da percepire ciò che è veramente utile a noi in quanto coach. Imparerai a fornire feedback, affinchè ciò che dirai sia utile al coachee. Infine imparerai una delle qualità più importanti nella comunicazione del Coach: l’abilità di “ sintonizzarti sul coachee” e far sì che il coachee agisca per il proprio bene attraverso un percorso “maieutico”.

” Fare coaching è una bella frase , diventare coach professionisti è una scelta seria ! “

Approfondisci l’approvazione ICF o vai al sito della International Coach Federation.